lunedì 27 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2013: i convocati definitivi

Alla vigilia della partenza per Kigali, è tempo di decisioni definitive per il tecnico Stephen Keshi: dalla lista iniziale dei giocatori del campionato nigeriano che avevano preso parte alla gara amichevole con la Liberia, sono stati scelti 11 giocatori che andranno a far compagnia agli 11 "europei" giunti nel fine settimana nel ritiro di Abuja.
I nomi sono quelli di: Chigozie Agbim, Azubuike Egwueke, Sunday Mba, Papa Idris, Reuben Gabriel, Godfrey Oboabona, Juwon Oshaniwa, Bartholomew Ibenegbu, Obinna Nwachukwu, Ejike Uzoenyi e Uche Kalu.


domenica 26 febbraio 2012

Se il buongiorno si vede dal mattino...

Peter Odemwingie nell'ultima giornata di Premier League ha confermato di essere uno degli attaccanti più in forma del campionato inglese grazie alla doppietta messa a segno contro il Sunderland che segue la tripletta realizzata contro i Wolverhampton Wanderers la settimana prima.
La speranza dei tifosi nigeriani (e soprattutto del tecnico Keshi) è che possa portare anche in Ruanda il suo "tocco magico" in vista dell'incontro di qualificazione per la Coppa d'Africa 2013 previsto questo mercoledì a Kigali.


martedì 21 febbraio 2012

Visite e arrivi al ritiro di Abuja

La nazionale nigeriana si sta preparando in vista del delicato impegno di fine mese contro il Ruanda, ciononostante il ritiro di Abuja è stato meta di alcune visite negli scorsi giorni. Il primo a fare capolino, a sorpresa, sabato è stato l'ex allenatore delle Super Eagles Samson Siasia, il quale nonostante il recente esonero, evidentemente è rimasto in buoni rapporti con la federazione, lo staff e i giocatori. 
Successivamente è stato il turno dell'ex capitano Nwankwo Kanu, il quale si è complimentato con Keshi per il lavoro finora fatto ed ha incoraggiato i 19 giocatori reduci dalla sfida con la Liberia.
Dopo le visite di cortesia, nel fine settimana sarà finalmente il turno dei giocatori che militano nei campionati europei. I primi ad arrivare dovrebbero essere Odemwingie, Keita ed Etuhu, mentre gli ultimi saranno Yobo, Musa, Yakubu ed Enyeama, il cui volo è previsto per domenica notte.

domenica 19 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2013: convocazioni Ruanda-Nigeria

In vista della gara di andata del primo turno di qualificazione alla fase finale della Coppa d'Africa 2013 contro il Ruanda, Stephen Keshi ha convocato 11 giocatori che militano nei campionati stranieri che si aggiungono ai 20 che hanno preso parte all'amichevole contro la Liberia dello scorso 15 febbraio e che sono stati invitati a fermarsi presso il centro di allenamento di Abuja fino al 26 febbraio, giorno nel quale il tecnico diramerà la lista finale di coloro che partiranno alla volta di Kigali.
Scorrendo l'elenco, spiccano i ritorni di Yakubu Ayegbeni e di Sani Kaita, ma se  l'attaccante del Blackburn Rovers è stato praticamente richiamato a furor di popolo dopo le recenti brillanti prestazioni in Premier League, rimane un po' avvolta nel mistero la convocazione di Kaita, la cui ultima prestazione con la maglia delle Super Eagles è stata ai mondiali in Sudafrica e più precisamente contro la Grecia, quando venne espulso compromettendo non solo la partita ma anche il percorso della Nigeria nella competizione. Oltretutto a questo si aggiunge il fatto che il centrocampista attualmente  in forza al club ucraino del SC Tavriya Simferopol è reduce da un infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per oltre due mesi.

Questa la lista dei giocatori convocati da Stephen Keshi:

Vincent Enyeama, Taye Taiwo, Joseph Yobo; Joel Obi, Dickson Etuhu, Sani Kaita, Victor Moses;  Ikechukwu Uche, Osaze Odemwingie, Yakubu Aiyegbeni, Ahmed Musa.

Chigozie Agbim, Godfrey Oboabona, Juwon Oshaniwa, Gabriel Reuben, Uche Ossai, Sunday Mba, Kalu Uche, Papa Idris, Henry Uche, Osasco Omamo, Obinna Nwachukwu, Izu Azuka, Ejike Uzoenyi, Sunday Emmanuel, Kabir Umar, Kingsley Salami, Uche Oguchi, Okemute Odah, Bartholomew Ibenegbu, Azubuike Egwueke.

giovedì 16 febbraio 2012

Amichevole: Liberia-Nigeria 0-2

A Monrovia, sotto lo sguardo attento della presidente Ellen Johnson Sirleaf, la nazionale della Nigeria ha battuto per 2-0 la Liberia sul proprio terreno, cosa che non capitava da 27 anni.
Come già visto nella gara contro l'Angola, anche in questa occasione sono stati scelti esclusivamente giocatori che militano nel campionato locale, un segnale di svolta rispetto le precedenti gestioni e che, nelle intenzioni di Keshi e della federazione, rappresenta l'inizio della rinascita del calcio nigeriano.
Tornando al calcio giocato, gara decisa già nei primi 45 minuti grazie ad una doppietta di Sunday Mbah; l'attaccante del Warri Wolves ha prima sfruttato un assist di Gabriel Reuben e verso la mezz'ora ha chiuso i giochi su imbeccata questa volta di Ejike Uzoenyi. 
Ottimo biglietto da visita in vista del prossimo impegno ufficiale della Nigeria che ha fine mese sarà impegnata nella gara di andata del primo turno di qualificazione per la Coppa d'Africa 2013 contro il Rwanda. Giovedì pomeriggio si dovrebbero sapere i nomi dei convocati: è probabile che i nomi dei giocatori che militano nei campionati europei siano ben pochi rispetto a come eravamo abituati

mercoledì 15 febbraio 2012

Ranking Fifa Febbraio 2012



La Fifa ha pubblicato la consueta classifica delle nazionali per il mese di febbraio. 
A farla da padrone sono state ovviamente le nazionali che meglio hanno figurato nella Coppa d'Africa appena conclusa. Lo Zambia infatti guadagna infatti ben 28 gradini raggiungendo la posizione numero 43, davanti al Mali (+25) e Gabon (+46). Buoni anche i progressi di Libia (+10) e delle due grandi deluse Costa d'Avorio e Ghana, entrambe capaci di guadagnare 3 posizioni rispetto al mese di gennaio. 
Il rovescio della medaglia è rappresentato da tutte quelle nazioni che invece o non hanno preso parte alla fase finale della competizione o sono uscite nelle prime fasi. Dietro la lavagna finiscono quindi l'Egitto che crolla al 61° posto (-25), il Camerun (-10) e il Senegal (-25).
Le Super Eagles non se la passano certo meglio ed in virtù del discorso appena fatto, escono dai primi 50 andandosi a posizionare al 56° posto in coabitazione con la Tunisia

lunedì 13 febbraio 2012

Prima tripletta inglese per Odemwingie

Prima grande soddisfazione per Peter Odemwingie nella sua seconda stagione al West Bromwich Albion. L'ex attaccante del Lokomotiv Mosca ha infatti realizzato la sua prima tripletta da quando milita nella Premier League nel derby del Black Country sul campo del Wolverhampton Wanderers.
Nell'incontro vinto dai Baggies per 5-1, Odemwingie ha aperto le marcature al 34' del primo tempo con tiro da fuori area ed ha siglato le ultime due reti nel finale di gara prima con un tocco in mischia davanti al portiere avversario e successivamente con un preciso tocco al limite dell'area piccola.
Con questa tripletta, l'attaccante delle Super Eagles si è portato a quota 7 nella classifica marcatori su 20 partite giocate ed ora l'obiettivo (non dichiarato) rimangono le 15 reti realizzate nello scorso campionato.


domenica 12 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012 finale: Zambia campione!

Miracolo, impresa, destino: queste sono le parole più gettonate all'indomani della vittoria ai calci di rigore dello Zambia contro la Costa d'Avorio.
Se ci si dovevano aspettare emozioni da una finale, emozioni ci sono state dal primo minuto fino al decisivo rigore realizzato da Stoppira Sunzu che ha consegnato il più classico dei finali da "Libro Cuore" con la nazionale dei Chipolopolo trionfante proprio nel paese dove avvenne la tragedia aerea del 1993.
Nonostante il netto divario tecnico tra le squadra, la gara è stata molto equilibrata ed ha visto lo Zambia partire meglio e cercare la via del gol con Nathan Sinkala. Solo nella seconda metà del primo tempo la Costa d'Avorio è riuscita a rendersi pericolosa con Yaya Tourè, ma il solito Mweene si confermava ancora una volta uno dei migliori nel suo ruolo in questa competizione. Nella ripresa dopo un brivido iniziale per uno scontro aereo nel quale è rimasto coinvolto Drogba, era lo stesso capitano degli Elefanti ad avere sul piede l'occasione più ghiotta dell'incotro. Per un fallo commesso (forse fuori area) da Isaac Chansa ai danni di Gervinho, l'arbitro ha concesso un calcio di rigore. Dopo l'errore contro la Guinea Equatoriale, l'esperto attaccante del Chelsea si è presentato nuovamente dagli undici metri, ma anche in questa occasione non è riuscito a realizzare il penalty, calciando sopra la traversa.
Nei tempi supplementari era di nuovo lo Zambia a rendersi pericoloso con i fratelli Katongo, ma alla fine il destino ha voluto che l'edizione 2012 della Coppa d'Africa di decidesse ai calci di rigore.
Qui Drogba non sbagliava più e come lui i primi 13 rigoristi: solo all'ottavo penalty era Kolo Tourè a sbagliare, facendosi ipnotizzare da Mweene, ma nonostante i cori e le preghiere dei propri compagni, Rainford Kalaba, uno degli artefici del vittorioso cammino dello Zambia, calciava clamorosamente alto riaprendo la gara. Dopo di lui era il turno di Gervinho, ma anche lui come i suoi "compagni" di campionato inglese in precedenza calciava fuori, permettendo a Sunzu di fissare il risultato sull'8-7 finale di consegnare alla sua nazionale il primo storico successo continentale.



sabato 11 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012: finale 3-4 posto al Mali

Si conclude nel peggiore dei modi l'avventura delle Black Stars nell'edizione 2012 della Coppa d'Africa: dopo aver perso a sorpresa in semifinale contro lo Zambia, uno demotivato Ghana chiude al quarto posto rimediando un netto 2-0 contro il Mali. Le due squadre si erano già affrontate nel girone di qualificazione ed allora la vittoria era andata al Ghana con il medesimo risultato.
Eroe della gara è stato Cheick Tidiane Diabate: il lungo (e macchinoso) centravanti del Bordeux ha siglato infatti entrambe le reti approfittando prima di una corta respinta del portiere ghanese su azione da calcio d'angolo e nel finale su azione di contropiede con gli avversari ridotti in 10 (per la terza volta in questa competizione) a seguito dell'espulsione di Vorshah.




mercoledì 8 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012 semifinali: sarà una finale tutta arancione tra Costa d'Avorio e Zambia

Giornata di semifinali in Coppa d'Africa con le due grandi favorite Ghana e Costa d'Avorio impegnate rispettivamente contro Zambia e Mali.
Nel primo incontro giocato all'Estadio de Bata, le Black Stars si dimostrano fin da subito determinate ed agguerrite e dopo solo 7 minuti hanno avuto un'enorme occasione per portarsi in vantaggio con un (generoso) calcio di rigore concesso per atterramento di Kwadwo Asamoah. Ma, come nei quarti di finale dei Mondiali 2010, Gyan Asamoah, sbaglia clamorosamente, facendosi ipnotizzare da Mweene, da lì in avanti autentico protagonista della gara. Il Ghana per nulla abbattuto, continua a macinare gioco, ma le due squadre vanno all'intervallo sul risultato di 0-0. Nella ripresa, complici le non ottime condizioni di salute di Mensah e di Gyan, lo Zambia si fa più pericoloso e al 78' trova la rete del vantaggio con una precisa conclusione dal limite dell'area di Emmanuel Mayuka. In teoria ci sarebbe ancora lo spazio per la rimonta, ma le speranze sono rese vane dall'espulsione di Boateng, reo di aver colpito sulla schiena un giocatore avversario.
Con questa vittoria, lo Zambia accede per la prima volta dopo 18 anni ad una finale di Coppa d'Africa: all'epoca era la nazionale di Kalusha Bwalya, miracolosamente scampato al disastro nel quale un anno prima perì l'intera selezione dei Chilipopolo.

Nella seconda semifinale, pronostico rispettato e finale assicurata per la Costa d'Avorio, cui l'1-0 sta fin stretto. Sotto lo sguardo attento di Pelè, partenza a mille degli Elefanti, che nel primo quarto d'ora colpiscono due legni con Drogba e Yaya Tourè, ma per il vantaggio bisogna aspettare l'ultimo minuto del primo tempo, quando Gervinho (finora un po' in ombra) si lancia in una fuga inarrestabile fin dalla propria metà campo, sfruttando un intervento sucida di Berthe, che praticamente da ultimo uomo ha tentato, invano, un tackle sul giocatore dell'Arsenal. Nei secondi quarantacinque minuti, la Costa d'Avorio non ha patito troppo la sterile manovra de Les Aigles ed è riuscita quindi a portare a casa la vittoria ed in finale adesso gli uomini allenati da Zahoui se la dovranno vedere con lo Zambia in un derby cromatico tutto all'insegna dell'arancione





lunedì 6 febbraio 2012

Amichevole Liberia-Nigeria: i convocati

In vista dell'amichevole del 15 febbraio a Monrovia tra Liberia e Nigeria (gara inizialmente prevista per il 15 gennaio e rinviata dopo i fatti di cronaca), l'allenatore delle Super Eagles Stephen Keshi ha convocato 30 giocatori. Come per la gara contro l'Angola, anche in questa occasione si tratta di calciatori che militano nel campionato nazionale.

Questa, la lista completa:


PORTIERI: Chigozie Agbim (Warri Wolves), Okemute Odah (Sharks FC), Daniel Akpeyi (Heartland FC)

DIFENSORI: Juwon Oshaniwa (Sharks FC), Osasco Omomo (Sunshine Stars), Azubuike Egwueke (Warri Wolves), Godfrey Oboabona (Sunshine Stars), Gbenga Arokoyo (Kwara Utd), Uche Oguchi (Heartland FC), Ahmed Adesope (3SC), Papa Idris (Kano Pillars)

CENTROCAMPISTI: Ossai Uche (Warri Wolves), Kola Anubi (Sharks FC), Ejike Uzoenyi (Enugu Rangers), Bartholomew Ibenegbu, Kingsley Salami, Stanley Ohabuchi (Heartland FC), Reuben Gabriel (Kano Pillars), Henry Uche (Enyimba FC), Solomon Jabason (Akwa United), Chidi Osuchukwu (Dolphins FC), Daniel Essien (Niger Tornadoes)

ATTACCANTI: Sunday Emmanuel (Enyimba), Sunday Mba, Jude Aneke (Warri Wolves), Izu Azuka (Sunshine Stars), Barnabas Imenger (Kwara Utd), Kabiru Umar (Heartland FC), Uche Kalu, Ifeanyi Ude (Enyimba FC).

domenica 5 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012 quarti di finale: Ghana e Mali in semifinale

Seconda ed ultima giornata di quarti di finale in Gabon e Guinea Equatoriale. 
Allo stadio cino-gabonese di Angondjé, è andata in scena la partita più emozionante delle quattro giocate tra i padroni di casa del Gabon ed il Mali. Sono stati quest'ultimi a partire meglio, ma alla distanza Aubameyang e Cousin hanno incominciato a rendersi pericolosi nella difesa avversaria. Il risultato si è sbloccato al 10' della ripresa, quando Mouloungui dal dischetto del rigore, ha raccolto un assist dalla linea di fondo dello scatenato Aubameyang, abile a rimettere uno spiovente proveniente da un calcio di punizione. Les Panthères legittimavano il vantaggio cogliendo un clamoroso palo con Cousin, ma quando oramai il pubblico stava pregustando la vittoria, all'83' è arrivata la rete del neo-entrato Cheick Tidiane Diabate, che è riuscito a controllare un pallone in area di rigore, a girarsi e a farla passare sotto il corpo di un Ovono non del tutto esente da colpe. Nei tempi supplementari le due squadre si sono praticamente annullate e la gara si è inevitabilmente decisa ai calci di rigore. E lì il pubblico si è letteralmente ammutolito quando, ironia della sorte, il proprio beniamino Aubameyang ha fallito il penalty che di fatto ha consegnato al Mali il passaggio alle semifinali dove ora se la dovranno vedere con la Costa d'Avorio.

L'ultimo quarto di finale era quello vedeva opposti il grande favorito Ghana e la Tunisa. Neanche il tempo di studiarsi e al 10' era il capitano Mensah ad insaccare di testa su calcio d'angolo, realizzando sia la sua seconda rete nella competizione, sia soprattutto la 100a delle Black Stars nelle fasi finali della Coppa d'Africa. La Tunisia trascinata dal solito Youssef Msakni aumentava il ritmo e l'intensità e riusciva a trovare il pari con Khelifa nel finale di tempo. Nei secondi 45 minuti, il Ghana manteneva il pallino del gioco ma non riusciva a trovare la rete del pari e come per l'altro quarto di finale, si è dovuto ricorrere ai tempi supplementari. Qui, al 10' del primo tempo, dopo una rete giustamente annullata a Issam Jemâa per fuorigioco, il portiere tunisino Aymen Mathlouthi (già protagonista di un intervento discusso nella gara contro il Niger) trasformava in assist per Andrè Ayew un traversone senza troppe pretese di Badu. Il gol surriscaldava gli animi e farne le spese era Abdennour, reo di aver colpito con una gomitata (un po' accentuata) lo stesso figlio di Abedì Pelè. La Tunisia, in 10 uomini provava qualche mischia, ma alla fine seppur con qualche brivido finale ero le Black Stars ad avere la meglio e completare così il quadro delle semifinali.





sabato 4 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012 quarti di finale: doppio 3-0 per Zambia e Costa d'Avorio

Dopo le due giornate di sosta, oggi è stato tempo di quarti di finali per questa Coppa d'Africa 2012.
Nella prima delle due partite disputate, netta vittoria dello Zambia contro il Sudan che centra così il traguardo delle semifinali dopo 16 anni. Nel silenzio assordante dei quasi 1000 spettatori dell'Estadio de Bata, i Chipolopolo come da copione hanno fatto la partita, lasciando agli avversari qualche raro contropiede. La gara si è sbloccata dopo un quarto d'ora di gioco grazie al difensore Sunzu, lasciato pressochè indisturbato di colpire di testa su un calcio di punizione. Il Sudan prova a reagire ma dopo essersi vista negare un dubbio calcio di rigore, ha lamentato gli infortuni di Yousef Alaeldin e Nazar Hamed che hanno di fatto stroncato le residue possibilità di rimonta. Al 66' la gara si è praticamente conclusa: azione ficcante di Kalaba e netto quanto ingenuo fallo di Saif Eldin Ali Idris, che ha lasciato la squadra in 10 uomini. Dal dischetto Katongo si faceva ipnotizzare da Akram El Hadi Salim, ma lo stesso capitano dello Zambia era lesto a raccogliere la respinta e portare la propria squadra sul 2-0. Nel finale Chamanga fissava il risultato sul 3-0 con una pregevole conclusione da fuori area.

Nel secondo quarto di finale, vittoria anche per l'altra squadra "arancione". Trascinati da uno scatenato Drogba, la Costa d'Avorio con un netto 3-0 ha avuto le meglio dei padroni di casa della Guinea Equatoriale.
Protagonista assoluto, come appena scritto, il capitano degli Elefanti, ha dapprima sbagliato un calcio di rigore concesso per un atterramento di Konate su Zokora, ma si è successivamente fatto perdonare con una doppietta: prima sfruttando un errore del difensore Rui e successivamente con un potente colpo di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione di Yaya Tourè. Lo stesso Calciatore Africano dell'Anno 2011, su calcio piazzato metteva fine alle speranze dei tifosi locali.


mercoledì 1 febbraio 2012

Coppa d'Africa 2012 girone D: Ghana e Mali sono le ultime due nazioni a qualificarsi per i quarti

Con le ultime due partite del girone D si chiude la fase a gironi della Coppa d'Africa 2012.
Pronostici rispettati per quanto riguarda il Ghana: alle Black Stars sarebbe bastato un pari per passare il turno e chiudere il girone al primo posto e alla fine pari è stato. Ad aprire le marcature è stato il centrocampista dell'Udinese Badu con una mozza-fiatante conclusione da oltre 25 metri. La rete del pareggio, altrettanto spettacolare (ma forse più fortuita) è arrivata sul finale di primo tempo con un tiro-cross di Abdoul Camara. Nella ripresa emozioni ed intensità sono calate e la Guinea, ridotta in dieci uomini dopo l'espulsione di Mamadou Bah non è riuscita a violare nuovamente la porta difesa da Kwarasey.

Il pareggio tra Ghana e Guinea ha reso tutto molto più facile al Mali, anche se gli uomini di Giresse hanno dovuto faticare più del dovuto per avere la meglio su un Botswana reduce dall'umiliante sconfitta contro la Guinea. Le Zebre oltretutto erano riuscite a portarsi in vantaggio al 50' con Mogakolodi Ngele. L'immediata reazione del Mali, ha portato al pareggio pochi minuti dopo grazie all'attaccante del Friburgo Garra Dembelè, abile ad insaccare su una respinta del portiere dopo un'ubriacante azione sulla fascia di Abdou Traoré. Ad un quarto d'ora dalla termine è stato Keita a siglare la rete del definitivo 2-1 con una conclusione a giro dal limite dell'area. Attimi di terrore nel finale, quando dopo il triplice fischio arbitrale Les Aigles maliane hanno dovuto aspettare cinque interminabili minuti prima che si concludesse la gara dello Stade de Franceville.

Nei quarti di finale adesso il Ghana dovrà affrontare un tutt'altro che facile avversario come la Tunisia, mentre il Mali se la dovrà vedere domenica 5 contro i padroni di casa del Gabon.