giovedì 27 marzo 2014

EuroEagles #85

Appuntamento settimanale posticipato di qualche giorno causa turno infrasettimanale che ha coinvolto alcuni tra i principali campionati europei.
Iniziamo dall'Inghilterra dove continua il buon momento di forma di Peter Odemwingie a segno per la seconda settimana consecutiva. Suo il gol che ha dato il via alla rimonta dello Stoke City nella vittoria per 4-1 con l'Aston Villa.
Torna al gol dopo la sosta invernale Ahmed Musa. L'attaccante nigeriano ha messo il sigillo sulla netta vittoria per 3-0 del CSKA Mosca sui resti dell'Anzhi.
E a proposito di ritorni nei quarti di finale della Coppa di Ucraina è tornato a parlare di sè Brown Ideye, autore di una doppietta nella sfida vinta dalla Dinamo Kiev contro il Metalist. Un po' di gloria anche per Ayila Yussuf, autore del gol della bandiera per la squadra della città di Charkiv.
Si è giocato in Italia nel turno infrasettimanale nel quale Nnamdi Oduamadi è risultato essere il match winner nella gara che vedeva opposto il suo Varese al più quotato Empoli.
Chiudiamo la lunga rassegna con la Turchia. Nella Lig A, il campionato cadetto, Akeem Agbetu ha realizzato l'unico gol del TKİ Tavşanlı Linyitspor nella sconfitta per 3-1 con l'Istanbul BB. Nel campionato maggiore invece giornata da protagonista (ma non è una novità) per Emmanuel Emenike autore di una doppietta nella vittoria del Fenerbache sul Gaziantepspor.



giovedì 20 marzo 2014

Il Genk su due giocatori nigeriani

Stando alle informazioni raccolte dai siti All Nigerian Soccer e Kickoff Nigeria, venerdì il portieri della nazionale under-17 campione in carica, Dele Alampasu volerà in Belgio per discutere i termini del contratto che potrebbe legarlo al Genk. Il giocatore ha ricevuto l'ok da parte dell'ambasciata belga e potrebbe quindi a breve sostenere le visite mediche.
Discorso analogo per un altro giovane nigeriano, Wilfred Ndidi che dopo un periodo di prova, sembra aver convinto il club belga ad offfrirgli un contratto di quattro anni. Il giocatore è tornato in Nigeria dove ora sta sbrigando le consuete pratiche burocratiche prima di poter tornare in Europa.
Entrambe le operazione sono state portate avanti da Oliver Noah della Noga Sports Management, lo stesso che ha recentemente concluso il trasferimento di altri due giovani al Granada.

mercoledì 19 marzo 2014

Isaac e Agbo al Granada

"Il Granada Football Club comunica che si è assicurata le prestazione calcistiche di due giocatori: Isaac Success e Uche Agbo."
Con questo comunicato apparso sul proprio sito,  Il club spagnolo ha confermato quella che era notizia praticamente certa già da alcuni mesi ma che era rimasta congelata in attesa di risolvere alcune questioni legate ai permessi di soggiorno. 
Contestualmente è stato annunciato che i due calciatori nigeriani andranno a rafforzare la squadra B del Granada che attualmente milita nella Secuda Division B spagnola, l'equivalente della Lega Pro italiana.
Come tutti sanno però l'operazione è stata fatta con l'avallo dell'Udinese di cui il Granada è una squadra satellite, essendo ambedue di proprietà di Giampaolo Pozzo.
Isaac Success, 18 anni compiuti a gennaio, è una delle stelle che si sono messe in mostra nei recenti mondiali under-17 vinti dalla Nigeria mentre Uche Henry Agbo (omonimo dell'ex ala del Montpellier degli anni '90) ha preso parte ai mondiali under-20 disputatisi in Francia la scorsa estate.

martedì 18 marzo 2014

EuroEagles #84

Eccoci tornati al consueto appuntamento settimanale con la rubrica nella quale si parla dei gol realizzati da giocatori nigeriani nei principali campionati europei. Con i campionati finlandesi, norvegesi e svedesi quasi pronti ad iniziare, questa settimana segnaliamo la ripesa del Premier League Ucraina dopo i recenti avvenimenti di cronaca extra-calcistica.
Iniziamo la rassegna anche questa settimana con la Superligaen danese per segnalare la seconda rete consecutiva di Edward Ofere. L'ex attaccante del Lecce sembra averci preso gusto ed ha realizzato il gol vittoria nella sfida che ha visto il suo Vestsjælland avere la meglio per 2-1 sul campo del Nordsjælland.
Seconda rete in campionato anche per Sunday Mba ma nonostante la vittoria per 1-0 contro il Troyes, il CA Bastia naviga nei meandri della bassa classifica della Ligue 2. La retrocessione è praticamente certa e così il match winner dell'ultima Coppa d'Africa cerca di mettersi in mostra per riconquistare la nazionale e, perchè no, trovare una sistemazione per la prossima stagione.
I giochi invece sono ufficialmente conclusi in Grecia dove l'Olympiakos di Micheal Olaitan (in convalescenza dopo lo spavento di due settimane fa) ha vinto l'ennesimo titolo della propria storia. Il Panathinaikos è ancora in corsa per un posto nel turno preliminare della prossima Champions League grazie alla vittoria per 1-0 sul campo del PAS Giannina. Di Abdul Ajagun il gol vittoria al 36° del primo tempo.
Nella vicina Turchia vittoria anche per il Fenerbahce per 2-1 con il Kayseri Erciyesspor e anche in questo caso il match winner è stato un calciatore nigeriano. Si tratta ovviamente di Emmanuel Emenike ak suo 9° gol in questo campionato ad una sola distanza dalla doppia cifra, il traguardo prefissato ad inizio stagione. Nella Lig A, la serie B turca, spettacolare vittoria del Şanlıurfaspor sul 1461 Trabzon. Grande protagonista Simon Zenke che ha realizzato una doppietta e ha procurato un calcio di rigore.
Chiusura con il botto e più precisamente con la Premier League inglese. Nella 28a giornata infatti Peter Odemwingie ha iniziato ufficialmente la sua rincorsa ad una maglia per i Mondiali 2014 grazie alla decisiva doppietta contro il West Ham. Sotto di un gol, l'ex attaccante di WBA e Cardiff City ha dapprima firmato il pareggio con un tocco decisamente fortuito sulla linea di porta dopo un'azione insistita di Crouch e ha infine messo a segno il gol definitivo 3-1 con una potente conclusione da posizione angolata sugli sviluppi di un contropiede.



sabato 15 marzo 2014

Ranking Fifa Marzo 2014


Nessuna nuova, buona nuova.
Dopo una serie di capitomboli, questo mese la posizione della Nigeria nel ranking Fifa è rimasta stabile al 47° posto. Approfittando del calo del Camerun, le Super Eagles guadagnano anche una posizione nel raggruppamento africano passando dall'8a alla 7a posizione. Per quanto riguarda le altre nazionali, notevole balzo dell'Egitto che torna sul podio scalando ben 12 posti scalzando Capo Verde che ne perde 6.

martedì 11 marzo 2014

EuroEagles #83

Edizione numero 83 della rubrica dedicata ai gol realizzati dai giocatori nigeriani che militano nei principali campionati europei. Settimana decisamente turbolenta, con alcuni graditi ritorni, il campionato ucraino ancora in attesa di sapere se e quando riprenderà (la nazionale e gli incontri europei per ora sono stati disputati in terra cipriota) e alcune curiosità (eufemismo) su ultras turchi di cui onestamente non eravamo a conoscenza.
Durante il periodo estivo avevamo solo pochi campionati a farci compagnia ed eravamo soliti iniziare la rassegna con i paesi scandinavi. Con la ripresa della Superligaen danese riprendiamo questa tradizione e segnaliamo il ritorno di un giocatore di cui avevamo perso le tracce. Stiamo parlando di Edward Ofere, attaccante classe 1986 che dopo l'inizio calcistico nell'Enugu Rangers, a 19 anni si era trasferito al Malmö dove a suon di gol era stato convocato in nazionale sfiorando anche la convocazione ai Mondiali sudafricani. Gli appassionati di calcio italiano associano però il nome di Ofere al suo trasferimento al Lecce iniziato nel migliore dei modi con 3 gol in 11 partite e concluse con due brutti infortuni al ginocchio seguiti da altrettante operazioni. Dopo la rescisssione del contratto con il club salentino l'attaccante nigeriano era tornato in Svezia riuscendo a strapppare un contratto con un club di terza divisione. A gennaio, un po' a sorpresa, è arrivata la chiamata del Vestsjælland in Danimarca e, in questo fine settimana, la gioia del primo gol realizzato contro il Randers
Altra storia che meriterebbe forse un articolo a sè quella di Imoh Ezekiel a lungo conteso tra le nazionali del Belgio e della Nigeria e convinto dal padre (stando alla versione ufficiale, ma si parla anche di lungaggini burocratiche per ottenere la cittadinanza belga che lo avrebbe reso quindi comunitario...) a scegliere quest'ultima. Il giocatore non deve aver patito nè l'emozione dell'esordio nè tanto meno il fuso orario americano, perchè una volta tornato allo Standard Liegi è andato subito a segno realizzando la rete del definitivo 2-0 contro il KV Mechelen.
Dopo le ultime buone prestazioni in Bundesliga per Chinedu Obasi è arrivata anche la prima rete. Suo il gol del 3-0 nel 4-0 finale nella gara contro l'Hoffehheim gara però dove la scena è stata totalmente rubata da Klaas-Jan Huntelaar autore di una tripletta.
Chiudiamo con la Turchia e con i turbolenti tifosi del Trabzonspor. Stando a quanto riporta il sito Goal.com è usanza storica ricordare ad ogni minuto 61 di una partita con lancio di oggetti e cori l'invasione dell'impero di Trebisonda da parte degli Ottomani avvenuta nel 1461. A quanto pare nella sfida contro il Fenerbahce devono aver particolarmente esagerato arrivando al lancio di coltelli, rubinetti e fumogeni che hanno costretto l'arbitro a sospendere la partita con la squadra di casa in svantaggio di una rete realizzata da Emenike.

giovedì 6 marzo 2014

Amichevoli: Messico - Nigeria 0-0

Altro pareggio, questa a volta a reti inviolate, tra Messico e Nigeria. Gli oltre 68.000 spettatori giunti al Georgia Dome di Atlanta sono tornati a casa senza aver visto gol realizzati, ma tutto sommato contenti per lo spettacolo visto nel rettangolo di gioco. Numerose infatti sono state le occasioni da rete e a farla da padroni sono stati i portieri.
Il tecnico Keshi ha proposto quello dovrebbe essere il modulo che vedremo in Brasile con un 4-2-3-1 decisamente offensivo con la linea difensiva composta dall'ormai consolidato quartetto composto da Ambrose, Echiejile, Oboabona e Omeruo, Mikel e Onazi a fare blocco e ispirare il trio Uchebo (al debutto), Musa e Moses con Emenike unico punto di riferimento in attacco.
La prima grande occasione è capitata sui piedi di Emenike, ma Ochoa gli negava la gioia del gol. Lo stesso portiere messicano si ripeteva poco dopo su Onazi. A metà del primo tempo era il turno di Enyeama ad opporsi ad un colpo di testa di Marquez .
Nella ripresa il ritmo è stato decisamente meno intenso e dopo alcune occasioni per parte è stato il tempo dei cambi e finalmente dell'esordio del giovane Imoh Ezekiel che così ha messo finalmente messo fine alla querelle che lo vedeva conteso tra la Nigeria e il Belgio, nazione nella quale attualmente gioca con la maglia dello Standard Liegi.

MESSICO: G. Ochoa, R. Márquez, A. Guardado, Paul Aguilar, H. Moreno, D. Reyes (64' F. Rodríguez), L. Montes (46' J. Aquino),J. Medina (64' C. Peña), H. Herrera (83' J. Vázquez), O. Peralta (70' R. Jiménez), J. Hernández (46' A. Pulido). ALL. M. Herrera
NIGERIA: V. Enyeama (46' A. Ejide), U. Echiejile, E. Ambrose (46' R. Azeez), K. Omeruo, G. Oboabona, J. Obi Mikel, V. Moses (71' I. Ezekiel), O. Onazi, E. Emenike, M. Uchebo (46' L. Balogun) (66' A. Egwuekwe), A. Musa (60' V. Obinna). ALL. S. Keshi

Arbitro: B. W. Quesada (CRC)
Ammoniti: K. Omeruo,  J. Obi Mikel,  E. Emenike.



martedì 4 marzo 2014

Yobo out per infortunio, al suo posto Balogun

Doveva essere il giorno del suo grande ritorno con la maglia delle Super Eagles ed invece Joseph Yobo dovrà ancora aspettare. 
A causa di un "non meglio precisato strappo", secondo quanto riferisce l'ufficio stampa della NFF, il difensore attualmente al Norwich è stato escluso dall'elenco dei convocati in vista dell'amichevole con il Messico.
Al suo posto il tecnico Keshi ha convocato l'esordiente Leon Balogun, difensore di origini tedesche ma di passaporto nigeriano che attualmente milita nel Fortuna di Dusseldorf nella 2. Bundesliga. Il giocatore, che a dicembre aveva concluso l'iter burocratico per ottenere dalla Fifa l'ok a giocare per la Nigeria, si trova già nel ritiro ad Atlanta e si dice pronto fin da subito a dare il 100% per la sua nuova nazionale.

EuroEagles #82

Un caloroso bentornato a tutti per la consueta rubrica dedicata ai giocatori nigeriani che militano nei principali campionati europei. Con l'avvincinarsi della primavera stanno pian piano riprendendo tutti i campionati. Questa settimana è stato il turno della Russia (anche se con la Coppa) e lo sarebbe stato anche in Ucraina se la situazione nel paese non fosse precipiata.
Iniziamo dalle serie B italiana, nella quale l'esterno offensivo Nnamdi Oduamadi si è reso protagonista realizzando due delle quattro reti con le quali il Varese ha battuto per 4-3 la Reggina. L'ex giocatore di Milan e Torino ha siglato il gol vittoria proprio al 90' e pare seriamente intenzionato a riprendersi un posto in nazionale in vista dei prossimi mondiali.
Nel campionato polacco continua lo splendido momento di forma di David Abwo, andato a segno per la terza settimana consecutiva. Suo il 2-0 al 79' della sfida contro il Zawisza Bydgoszcz, gara vinta dallo Zaglebie Lubin per 3-1.
Chiudiamo infine con un gradito ritorno, quello di Ahmed Musa che durante la lunga pausa invernale non ha perso la confidenza con il gol. Anzi, nella gara degli ottavi contro il Sokol Saratov (club della terza serie russa) l'attaccante nigeriano ha realizzato la seconda delle due reti con le quali il Cska Mosca è riuscita ad avere la meglio degli avversari per approdari ai quarti di finale dove affronterà il Terek Groznyj.

lunedì 3 marzo 2014

Malore in campo per Olaitan

Tragedia sfiorata in Grecia.
Durante la gara di campionato tra l'Olympiakos e il Panathinaikos (gara vinta da questi ultimi per 0-3), l'attaccante nigeriano Michael Olaitan si è improvvisamente accasciato al suolo svenendo. Immediate le cure mediche e dopo attimi di paura, fortunatamente il giocatore ha ripreso conoscenza ed è stato accompagnato fuori dal campo in barella per poi essere trasportato in un vicino ospedale. 
Domenica notte è stato emesso un primo bollettino medico nel quale le condizioni del giovane talento nigeriano venivano descritte come stabili. 
Il medico del club greco, dopo aver escluso cause cardiache e aver effettuato numerosi test, ritiene che possa essere stata colpa di un'infezione virale.


sabato 1 marzo 2014

Presentazione delle nuove maglie

La comunicazione non dev'essere in cima ai pensieri della NFF.
La presentazione della tanto discussa nuova maglia che le Super Eagles sfoggeranno ai prossimi Mondiali è avvenuta di fronte alla Football House dedicata alla memoria di Sunday Dankaro (uomo d'affari ed ex presidente della federazione nigeriana) nei pressi dello stadio nazionale di Abuja e sede amministrativa della federazione.
Quello che ha un po' incuriosito e fatto storcere il naso ad alcuni supporter, è stato il fatto di non averla fatto all'interno della struttura (o direttamente nello stadio), ma nel parcheggio antistante (nella foto si intravedono infatti le strisce bianche che delimitano i posti auto) e che non fossero presenti nè l'allenatore, nè le principali stelle della nazionale. In rappresentanza di Keshi c'era Daniel Amokachi, ex attaccante della nazionale ed attuale membro dello staff, mentre il ruolo di "modelli" per le nuove divise è stato affidato al trio Ejike Uzoenyi, Shehu Abdullahi e Chigozie Agbim.
Sul perché delle scelta cromatica così particolare (verde limone al posto del tradizionale colore che richiama la bandiera nazionale) il presidente della NFF, Aminu Maigari ha spiegato che essa rappresenta al meglio il nuovo corso delle Super Eagles, una squadra giovane, vivace, ricca di talento e potenzialità.