mercoledì 27 febbraio 2013

EuroEagles #36

L'inverno sta lasciando lentamente alla primavera e con essa riprendono o sono sul punto di farlo i campionati dei paesi europei della zona scandinava e dell'est europeo. Questa settimana è stato il turno della Ekstraklasa polacca,  mentre la prossima settimana toccherà all'Ucraina e alla Danimarca.
Iniziamo dal Belgio, ma non dallo Standard Liegi di Imoh Ezekiel, quanto dall'OH Leuven vittorioso sul campo del Mechelen grazie alla decisiva rete al 78' di Derick Ogbu.
Nella Super League greca, Micheal Olatain non solo vince il derby nigeriano con lo Xanthi di Benjamin ma realizza anche la rete del 2-0 finale.
Trasferiamoci in Spagna per segnalare il buon momento di forma dell'attaccante del Granada Odion Ighalo, andato nuovamente a segno nella gara persa per 2-1 contro il Celta di Vigo.
Parlando ancora di giocatori che stanno ottenendo ottimi risultati non possiamo non parlare di Kalu Uche. Il più vecchio dei fratelli Uche sembra aver trovato una seconda giovinezza nel campionato turco: con quella realizzata su rigore al Fenerbache salgono a quota 13 le reti realizzate in stagione.
Chiudiamo infine con l'FA Cup inglese. Nel quinto turno il più quotato Chelsea ha avuto la meglio del Middlesbrough: di Victor Moses la rete che fissato sul 2-0 il risultato finale.



mercoledì 20 febbraio 2013

EuroEagles #35

Rientrati praticamente tutti i giocatori impegnati nella Coppa d'Africa, riprende quasi a pieno regime la nostra consueta rubrica dedicata alle Super Eagles che militano nei principali campionati europei.
Iniziamo dalla Pro League belga con un gradito ritorno, quello di Imoh Ezekiel. Il giovante attaccante dello Standard Liegi era fermo da inizio gennaio a causa di uno strappo alla coscia sinistra. Al suo rientro è subito andato a segno nella vittoria per 0-1 sul campo del Cercle Brugge.
Trasferiamoci nella vicina Olanda per segnalare la rete realizzata da Uche Nwofor nella vittoria del suo VVV con il NEC.
Dopo la poco brillante partita di Champions League contro la Juventus, Efe Ambrose ha subito avuto modo di riscattarsi firmando la rete del pareggio che ha dato il via alla goleada del Celtic contro il Dundee United (6-2 il risultato finale).
Nelle serie B italiana, continua il buon momento di forma di Osariemen Ebagua ancora a segno nell'1-1 tra Varese e Juve Stabia.
Secondo gol consecutivo nella Primera Division spagnola per Odion Ighalo. L'ex attaccante dell'Udinese aveva illuso i supporter del Granada dopo aver portato in vantaggio la propria squadra contro il pluri-quotato Barcellona, gara poi conclusa con la vittoria dei blau-grana per 2-1.
Chiudiamo infine con il campionato turco iniziando dalla vittoria del Kasimpasa per 1-0 con il Sivasspor. Il gol vittoria è stato firmato da Kalu Uche che così si è aggiudicato il derby nigeriano con il connazionale Eneramo. A segno anche il neo acquisto dell'Orduspor, Ayila Yussuf, arrivato in prestito dalla Dinamo Kiev e subito a segno nel 2-2 con l'Istanbul B.B.

giovedì 14 febbraio 2013

Ranking Fifa Febbraio 2013


La recente vittoria nella Coppa d'Africa ha avuto un rapido impatto sulla classifica per nazioni pubblicata dalla Fifa per il mese di febbraio.
La Nigeria è infatti balzata dal 52° al 30° posto e nella zona africana sale fino al 4° posto dietro alla Costa d'Avorio (12°), Ghana (19°) e Mali (25°). La parte del leone la fa il sorprendente Burkina Faso che risale ben 37 posizioni.



mercoledì 13 febbraio 2013

Clamoroso: il ct Keshi si dimette (o forse no?)

Neanche il tempo di festeggiare la vittoria della Coppa d'Africa e 2013 e il calcio nigeriano si ritrova tra le mani una nuova polemica.
Luendì Keshi aveva comunicato di essersi dimesso da commissario tecnico delle Super Eagles, salvo poi fare retromarcia e dirsi pronto a continuare il suo lavoro. Ma cosa ha scatenato questa decisione clamorosa ed una così rapida smentita?
Quello che si sa per certo è che la Federazione aveva mal digerito la gestione della squadra dopo le prime due gare contro Burkina Faso e Zambia concluse con altrettanti pareggi. Queste critiche neanche troppo velate avrebbero fatto maturare in Keshi la decisione di abbandonare la panchina della nazionale a prescindere dall'esito finale della competizione. 
A far cambiare idea all'ex capitano delle Super Eagles è stata la rassicurazione da parte del Ministro dello Sport nigeriano, Bolaji Abdullahi, di garantirgli maggior fiducia in vista delle prossime qualificazioni ai Mondiali 2014.


martedì 12 febbraio 2013

EuroEagles #34


Con la mente ancora alla recente vittoria della Nigeria nella Coppa d'Africa, troviamo lo stesso il tempo per il consueto appuntamento settimanale dedicato ai giocatori nigeriani  che militano nei principali campionati europei.
Iniziamo dal campionato olandese nel quale Uche Nwofor è andato a segno nel pareggio esterno del Venlo con l'Heerenveen. Con questa rete il giovane attaccante eguaglia il record della passata stagione (5)
Mentre il fratello era in campo nella finale contro il Burkina Faso, il più grande dei fratelli Uche, Kalu, andava a segno, su calcio di rigore, nella gara (poi persa) tra Gaziantespor e Kasimpasa.
Trasferiamoci in Spagna per segnalare la prima rete stagionale dell'attaccante Odion Ighalo nella vittoria del Granada per 3-0 contro il fanalino di coda Deportivo la Coruna. Nel Segunda Division, Maculay Chrisantus ha realizzato la rete della bandiera del Las Palmas nel 3-1 subito sul campo dell'Alcoron.
Chiudiamo infine con la Bundesliga per segnalare la rete di Sidney Sam nel pirotecnico 3-3 tra Borussia M'gladbach e Bayer Leverkusen. Non si tratta tecnicamente di una Super Eagle al 100%, visto che non ha ancora ufficialmente accettato nè ricevuto la convocazione da parte della nazionale nigeriana, ma stando alle recenti dichiarazioni, la cosa dovrebbe diventare ufficiale in vista delle qualificazioni mondiali del prossimo marzo.

domenica 10 febbraio 2013

La Nigeria vince la Coppa d'Africa 2013

Dopo 19 anni, tante delusioni e tante sofferenza, la Nigeria torna ad occupare il gradino più alto del podio della Coppa d'Africa dopo un'emozionante gara vinta contro il Burkina Faso.
Per questa gara il ct Keshi ha dovuto fare a meno del suo uomo più in forma, Emenike, che non è riuscito a recuperare dall'infortunio al bicipite femorale patito nella semifinale con il Mali. Al suo posto è sceso in campo Ike Uche, con Yobo lasciato ancora una volta in panchina.
Della Nigeria sono state le principali azioni da rete con Ambrose di testa e soprattutto con Ideye ma in entrambe le occasioni si è solo sfiorato il vantaggio, giunto invece allo scadere del primo tempo com Mba. Il centrocampista dei Warri Wolves ha raccolto una palla dal limite dell'area, l'ha controllata per poi saltare un difensore con un pallonetto e concludere al volo per la gioia dei rumorosi tifosi nigeriani giunti al FNB Stadium di Johannesburg.
Nella ripresa la Nigeria ha controllato molto bene le sfuriate degli avversari apparsi piuttosto stanchi dopo le fatiche della semifinale conclusa ai calci di rigore. L'occasione migliore capitava sui piedi di Sanou, ma Enyeama compiva un miracolo deviando un tiro che sembrava destinato ad insaccarsi.
Giusto il tempo di vedere in campo Yobo negli ultimi minuti di gioco e per la Nigeria era il tempo di festeggiare il terzo titolo continentale, dopo quasi vent'anni d'attesa. Allora la squadra era capitanata dall'attuale tecnico Keshi, c'è da sperare che quindi questo sia un auspicio per l'avvento di una nuova stagione d'oro per il calcio nigeriano.


NIGERIA: V. Enyeama, U. Echiejile (67' J. Oshaniwa), E. Ambrose, K. Omeruo, G. Oboabona, J. Obi Mikel, V. Moses, O. Onazi, S. Mba (89' J. Yobo), I. Uche (53' A. Musa), B. Ideye. A disp: N. Obiora, A. Egwueke, R. Gabriel, F. Ogude, A. Ejide, E. Uzoenyi, N. Igiebor, E. Emenike, C. Agbim. All: S. Keshi.
BURKINA FASO: D. Diakité, M. Panandétiguiri, B. Koné, Paul Koulibaly (84' M. Dagano), C. Kaboré, F. Rouamba (65' W. Sanou), M. Koffi, D. Koné (90' Abdou Razak Traoré), A. Bancé, J. Pitroipa, P. Nakoulma. A disp: H. Dah, H. Traoré, I. Ouattara, W. Balima, A. Soulama, A. Rabo, Pierre Koulibaly, G. Sanou. All: P. Put

Arbitro: D. Haïmoudi (ALG)
Marcatori: 40' S. Mba (NGA)





sabato 9 febbraio 2013

Coppa d'Africa, finale 3°-4° posto, il Mali si aggiudica il bronzo

Il Mali si aggiudica la cosiddetta finalina battendo per 3-1 il Ghana. Come spesso capita in queste occasioni, le due squadre, non avendo nulla da chiedere, hanno giocato a viso aperto senza badare a tatticismi. Ne è venuta fuori una gara frizzante e ricca di occasioni da rete.
Il Mali ha chiuso il primo tempo in vantaggio grazie alle rete di Mamadou Samassa con un bel tuffo di testa su assist di Tamboura. Ad inizio ripresa Keita ha firmato il raddoppio con un preciso destro dal dischetto del rigore dopo un'incursione di Coulibaly. Al 58' Mubarak ha sprecato l'occasione del 2-1 fallendo un calcio di rigore che gli avrebbe permesso di balzare in testa alla classifica dei cannonieri. Tardiva, all'82, la rete di Asamoah (con la complicità del portiere Soumbeyla Diakite) e il Mali anzi ne approfittava per chiudere i conti in contropiede con Asante. 



mercoledì 6 febbraio 2013

Coppa d'Africa, semifinali: il Burkina Faso entra nella storia.

Tutti si aspettavano una finale Costa d'Avorio-Ghana o che quanto meno almeno una delle due ci arrivasse ed invece saranno Nigeria e Burkina Faso le due nazioni che succederanno alla Zambia nell'albo d'oro della massima competizione continentale.
A sorpresa, ma con pieno merito e nonostante un arbitraggio a dir poco scandaloso, la nazionale burkinabé ha avuto la meglio del Ghana dopo un'estenuante maratona che si è conclusa solo ai calci di rigore.
Che per il fischietto tunisino Jedidi non sarebbe stata una giornata memorabile, lo si era intuito già al 13' del primo tempo quando ha assegnato un calcio di rigore apparso a tutti molto dubbi alle Black Stars. Dal  dischetto Mubarak Wakaso si è confermato un cecchino infallibile (tre centri su tre rigori), ma quando il Ghana pregustava la tanto attesa finale, ci ha pensato Aristide Bance a rimettere la gara in equilibrio. Nei tempi supplementari, l'arbitro si ergeva nuovamente protagonista non solo non concedendo un rigore per il Burkina Faso ma anche espellendo Jonathan Pitriopia per presunta simulazione.
Dal dischetto del rigore il Ghana doveva registrare gli errori di Vorsah, Clottey e Badu lasciando così spazio a Les Etalons che si permettevano il lusso di chiudere la gara con un impertinente (e poco elegante dal punto di vista strettamente stlistico) cucchiaio dello scatenato Bance, non a caso eletto uomo incontro della partita.
Burkina Faso in finale e giustamente in festa, eccezion fatta per l'incolpevole Pitriopia che, salvo sorprese dell'ultima ora, sarà costretto a saltare la sfida con la Nigeria. La federazione burkinabè ha immediatamente fatto ricorso, e sarebbe davvero un peccato negare ad uno degli eroi di questa squadra, la gioia di potersi giocare il prestigioso trofeo.



Coppa d'Africa, semifinali. La Nigeria strapazza il Mali e vola in finale

La Nigeria è la prima finalista della Coppa d'Africa 2013. Le Super Eagles hanno infatti dominato e vinto per 4-1 la semifinale che le vedeva opposte al Mali. Grande rivincita per il ct Keshi che era stato allontanato dalla guida tecnica de Les Aigles all'indomani della magra figura rimediata nella Coppa d'Africa 2010.
Per questa sfida gli 11 scesi in campo sono stati gli stessi della vittoria con la Costa d'Avorio con la linea difensiva composta da Echiejile e Ambrose sulle fasce e  Omeruo e Oboabona coppia centrale con il capitano Yobo ancora una volta in panchina. A centrocampo, trio composto da Mikel, Onazi e il match winner Mba. Davanti spazio ad Emenike supportato da Ideye e Moses. 
Proprio dai piedi dell'esterno del Chelsea nasce la rete del vantaggio: discesa sulla fascia, dribbling ubriacante e pallone in mezzo per l'accorrente Echiejile lesto a colpire di testa alle spalle del diretto avversario. Al 30', azione fotocopia con Emenike sulla destra nelle vesti di suggeritore e Ideye come scaltro realizzatore. Non paghe le Super Eagles a fine primo tempo mettevano il sigillo sulla gara con un calcio di punizione di Emenike deviato in maniera decisiva da Momo Sissoko.
Nella ripresa il Mali sembrava aver esaurito le forze dopo i 120 minuti spesi durante il quarto di finale con il Sudafrica e la Nigeria trovava autostrade nelle quali inserirsi. Al 60' Musa, da poco subentrato a Moses realizzava la rete del 4-0 su assist di Mikel. A poco serviva la rete della bandiera firmata da Cheick Fantamady Diarra. 4-1 il risultato finale e per il Mali si fermano nuovamente alle semifinali le speranze di vittoria.

MALI: M. Samassa, A. Tamboura, F. Diawara, M. N'Diaye, M. Wagué, S. Kéita, M. Sissoko (56' C. Diabaté) , M. Traoré (67' S. Sow), K. Traoré, M. Samassa, M. Maïga (46' C. Diarra). All. P. Carteron. A disp. A. Coulibaly, I. Coulibaly, S. Diarra, Soumbeïla Diakité, S. Coulibaly, Samba Diakité, A. Yirango, O. Coulibaly, S. Yatabaré.
NIGERIA: V. Enyeama, U. Echiejile, E. Ambrose (81' J. Yobo), K. Omeruo, G. Oboabona, J. Obi Mikel, V. Moses (53' A. Musa), O. Onazi, S. Mba, B. Ideye (72' E. Uzoenyi), E. Emenike All. S. Keshi. A disp. N. Obiora, R. Gabriel, F. Ogude, I. Uche, A. Ejide, N. Igiebor, J. Oshaniwa, C. Agbim, A. Egwueke.

Arbitro: B. Gassama (GAM)
Marcatori: 25' U. Echiejile (NGA), 30' B. Ideye (NGA), 44' E. Emenike (NGA), 75' C. Diarra (MAL)
Ammoniti: E. Ambrose, U. Echiejile (NGA), F. Diawara, M. Maïga, S. Sow (MAL)



martedì 5 febbraio 2013

EuroEagles #33

Mentre la nazionale nigeriana eliminava la Costa d'Avorio, altre Super Eagles erano intente a realizzare gol nei campionati europei.
Cominciamo la rassegna con la Pro League belga e più precisamente dalla prima rete di Derick Ogbu con la maglia dell'OH Leuven, rete che è valsa la vittoria con lo Sporting Charleroi. A segno anche Micheal Uchebo contro la Zulte-Waregem ma il suo Cercle Brugge alla fine è uscito sconfitto per 2-1.
Passando a climi decisamente più miti, nella Liga Obafemi Martins non è riuscito ad impedire la sconfitta del Levante contro l'Espanyol. Sua la rete del 3-2 realizzata nel finale di gara a risultato oramai compromesso.
Chiudiamo trasferendoci in Turchia dove Micheal Eneramo è stato il match winner nella gara con il  Fenerbahce. L'ex attaccante dell'Espérance di Tunisi ha realizzato infatti entrambe le reti che hanno permesso al Sivasspor di vincere la gara per 2-1.

domenica 3 febbraio 2013

Coppa d'Africa, quarti di finale: il Burkina Faso è l'ultima semifinalista

Con la vittoria del Burkina contro il Togo si chiude il quadro dei quarti di finale della Coppa d'Africa 2013.
Come nelle precedenti partite, non sono certo mancate le emozioni nonostante l'ultra sabbioso terreno del Mbombela Stadium di Nelspruit.
Nei 90 minuti regolamentari il Burkina Faso è partito meglio ma è stato il Togo a rendersi più volte pericoloso con un Adebayor a fare la parte del leone, anche se spesso isolato, contro l'intera retroguardia offensiva. Clamoroso ad esempio il salvataggio sulla linea di porta da parte di Panandetiguiri in seguito ad un colpo di testa dell'attaccante del Tottenham. La gara si chiudeva tra le proteste burkinabè per un intervento in area di rigore su Badara Diatta apparso netto a tutti tranne che al direttore di gara.
Nel primo dei due tempi supplementari è arrivata la rete che ha deciso l'incontro: calcio d'angolo di Kaborè, uscita un po' difettosa del portiere togolese e splendido colpo di testa di Pitriopia, al suo secondo gol nel torneo dopo quello del 4-0 realizzato nella partita contro l'Etiopia.
Accedono così alle semifinali le squadre di due soli gironi, quello B di Ghana e Mali e il C di Burkina Faso e Nigeria.



Coppa d'Africa, quarti di finale: la Nigeria batte la Costa d'Avorio e vola in semifinale

Grazie ad una gara praticamente perfetta, la Nigeria batte la super favorita del torneo, la Costa d'Avorio ed accede alle semifinali dove affronterà il Mali.
Il tanto criticato ct Keshi, indovina le mosse giuste, specie a centrocampo dove il terzetto composto da Mikel, Onazi e Mba ha limitato il gioco di Yaya Tourè, pallone d'oro africano in carica e mente pensante delle manovre ivoriane. In attacco  le incursioni di Moses e Ideye hanno fatto spesso breccia nella statica difesa avversaria creando numerose occasioni da gol. Il meritato vantaggio per le Super Eagles è arrivato alla fine del primo tempo su calcio piazzato: il potente tiro di Emenike ha preso alla sprovvista il portiere Barry che ha goffamente provato a mettere i pugni mancando però il pallone.
Dopo l'intervallo la Costa d'Avorio ha quasi subito trovato il pareggio sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Drogba (in ombra per tutta la gara) sul quale la difesa nigeriana si è fatta cogliere impreparata lasciando libero Tiotè di colpire di testa indisturbato.
Quando tutto lasciava pensare ai tempi supplementari, Sunday Mba si è letteralmente inventato il gol della vittoria conquistando palla a centrocampo e facendo un partire un insidioso tiro dal limite dell'area di rigore che trovava l'involontaria deviazione di Bamba.
Grande soddisfazione per una delle scommesse di Keshi che ha fatto dei giocatori che militano nel campionato nazionale uno dei principali cavalli di battaglia.


COSTA D'AVORIO: B. Barry, E. Eboué, S. Tiéné, S. Bamba, C. Romaric (83' L. Traoré), D. Zokora, Y. Touré, C. Tioté, D. Drogba, S. Kalou  (69' M. Gradel), Y. Gervinho. A disp. A. Koné, A. Boka, K. Touré, A. Razak, W. Bony, D. Ya Konan, I. Traoré, D. Yeboah, I. Lolo, B. Sangaré. All. Lamouchi

NIGERIA: V. Enyeama, U. Echiejile, E. Ambrose, K. Omeruo, G. Oboabona, J. Obi Mikel, V. Moses (90' J. Yobo), O. Onazi, S. Mba, B. Ideye, E. Emenike.
A disp. N. Obiora, A. Egwueke, A. Musa, R. Gabriel, I. Uche, A. Ejide, E. Uzoenyi, N. Igiebor, J. Oshaniwa, C. Agbim. All. Keshi

Arbitro: D. Haïmoudi (ALG)
Marcatori: 43' E. Emenike (NGA), 50' C. Tioté (CIV), 78' S. Mba (NGA)
Ammoniti: S. Bamba, Y. Touré, S. Kalou (CIV), V. Enyeama, O. Onazi (NGA)




sabato 2 febbraio 2013

Coppa d'Africa, quarti di finale: rigori fatali per il Sudafrica

Si fermano sul dischetto del rigore del Moses Mabhida Stadium le speranze di vittoria del Sudafrica. Ad accedere alle semifinale è il Mali, che come nell'edizione 2012 elimina ai calci di rigore i padroni di casa. Un anno fa fu il Gabon, questa è capitato ai Bafana Bafana che eppure si erano portati in vantaggio nei tempi regolamentari grazie a Rantie abile a sfruttare un assist millimetrico di Thuso Phala.
Nella ripresa il Mali trovava il pareggio con un colpo di testa di Seydou Keita, colpevolmente lasciato da solo dalla tutt'altro che attenta difesa sudafricana.
Dagli undici metri i giocatori maliani di dimostravano più freddi e sicuri, mentre dopo l'iniziale rigore segnato da Tshabalala, sbagliavano i successivi tre con Furman, Mahlangu e Majoro.
Il Mali ora aspetta la vincente tra Costa d'Avorio e Nigeria prevista per domani.



Coppa d'Africa, quarti di finale: finisce il sogno di Capo Verde

Il Ghana è la prima squadra ad accedere alle semifinali di Coppa d'Africa dopo un combattuto quarto di finale contro Capo Verde vinto 2-0 grazie ad una doppietta di Mubarak Wakaso entrato in campo ad inizio ripresa.
La gara ha visto il Ghana tenere in mano il pallino del gioco anche se sono stati gli isolani ad avere le migliori occasioni.
Ad inizio ripresa in seguito ad un energico intervento di Carlitos ai danni di Asamoah,  l'arbitro mauriziano Seechurn decretava la massima punizione che veniva realizzata dal neo entrato Mubarak che teoricamente avrebbe dovuto saltare questa partita per via della discussa t shirt esibita durante la vittoria con il Mali.
Il centrocampista dell'Espanyol si è ripetuto a gara praticamente conclusa quando tutto Capo Verde, portiere incluso, si era gettato in avanti su un calcio d'angolo. Per lui è stato facile raccogliere la palla nella propria tre quarti campo ed avviarsi verso la porta avversaria lasciata incustodita.